azero - progettare e costruire edifici a energia quasi zero

Cantina Vinicola Lipari

Lipari, Messina / arch.tti Dalpiaz+Giannetti Architektenpartnerschaft

La luce e l’architettura in pietra rappresentano una particolarità di Lipari ed è tematizzata nel progetto architettonico di questa cantina. Per la zona rappresentativa della barricaia viene infatti a proposto un sistema costruttivo alternativo che esprime, in maniera moderna, queste qualità tradizionali. La costruzione prevede una costruzione “al contrario”: per prima cosa la ditta esecutrice ha scavato nella terra un negativo della cantina dove è stato poi gettato il cemento; infine la struttura della cantina è stata liberata dalla terra fino al livello di calpestio.
Le caratteristiche di una cantina contemporanea e quelle di un modo moderno di fare vino vanno di pari passo, in questo progetto, con l’esigenza di non sprecare energia. Le temperature interne, necessarie per la conservazione del vino (16-18°C), costringono normalmente all’utilizzo di impianti di climatizzazione che consumano molta energia. L’obiettivo consiste nell’integrazione di tecniche tradizionali con tecniche dell’architettura bioclimatica per abbattere i costi energetici. Accanto alla massa termica, risultante dal sistema costruttivo proposto, e all’interramento, il clima di Lipari offre un grande potenziale per lo sfruttamento dell’energia naturale in forma passiva. Il vento costante da ovest può venire usato, insieme al raffrescamento geotermico, per temperare gli spazi più delicati della cantina, come la barricaia, in maniera simile alle torri del vento iraniane. Lo scopo è stato quello di realizzare un’architettura che divenisse parte di un ecosistema ambientale, utilizzando al meglio tutte le risorse del luogo a disposizione. Pertanto per le esigenze interne di raffrescamento, che per la gestione rappresenta il costo energetico maggiore, sono state utilizzate risorse con tecniche sia passive che attive. L’intonaco in calce e il rivestimento in pietra locale, caratterizzano l’aspetto della cantina e reinterpretano in chiave contemporanea, le costruzioni tipiche eoliane.


Progettisti: arch.tti Dalpiaz+Giannetti Architektenpartnerschaft
Ingegneria impiantistica: dott. Klaus Daniels – HL-Technik Engineering GmbH
Ingegneria strutturale delle volte: ing. Alexander Steffens – WTM Engineers GmbH
Ingegneria strutturale generale: ing. Gaetano Merlino
Progettazione impianti elettrici: p.i. Marco Rossi
Progettazione impianti reflui/fitodepurazione: ing. Massimo Solaroli
Progettazione del verde: green designer Patrizia Bezzi – Spazio Bezzi