progettare e costruire nZEB

Bifamiliare incorniciata

Due abitazioni a bassissimo consumo energetico accumunate da una linea continua
3
Ott

Casa bifamiliare | Castel Maggiore (BO)

 

Pochi segni leggibili, articolati in un insieme che evoca al contempo apertura e protezione, e tanto dettaglio esecutivo per garantire il miglior comfort indoor in questa abitazione, selezionata per i CasaClima Awards 2021 insieme ad altri 22 progetti tra i circa mille edifici certificati nel 2020.

 

Una grande cornice metallica trasversale, che inquadra il solido di base, integra e armonizza un sistema di spazi coperti, in particolare sul fronte sud di questa dimora. Su questo affaccio si aprono l’alloggio piccolo, distribuito su un solo livello, e l’area living di quello maggiore. Sulla cornice metallica inferiore si innesta il volume del primo piano, aperto su due lati: li sottolinea una cornice superiore, che mantiene proporzioni e matericità di quella sottostante, ponendosi invece in continuità con le due facciate chiuse, a nord e a est, per tipologia di lavorazione.
A sud le importanti vetrate, ridotte invece sul fronte nord che dà anche su una via pubblica, offrono un qualificante affaccio sul giardino pertinenziale e sul parco circostante e un essenziale apporto termico gratuito, complice un elevato fattore g pari al 57%; a scongiurare il sovraccarico estivo, con un segno minimale che ben dialoga con le finiture metalliche del fabbricato, i raffstore a lame orientabili con incasso a scomparsa ad architrave. Tutti i serramenti sono in legno, posati su monoblocchi coibentati.
La linea termica dell’involucro corre senza soluzioni di continuità: gli sbalzi sono trattati con disgiuntori termici strutturali e i volumi dei box sono staccati, benché architettonicamente il giunto non sia percepibile. Anche in corrispondenza del solaio a terra la coibentazione si mantiene all’esterno della parte massiva, che può così fungere da prezioso volano termico estivo, grazie a un letto di vetro cellulare granulare, coibente e drenante, dello spessore di 30 cm sotto platea. Gli isolamenti verticali sono in lana di roccia da 16 cm; le rasature sono a calce NHL5. La copertura, coibentata con 20 cm di XPS, è finita a cool-roof con un manto ardesiato bianco, sul quale, invisibili dall’esterno, lavorano due campi fotovoltaici da 6 e 4 kWp.